• minimarchitetti

Ventilazione Meccanica Controllata


La soluzione ideale per diminuire i consumi energetici della casa e aumentare il livello di benessere.

La presenza della tecnologia nelle nostre case diventa sempre più consistente e va di pari passo con la necessità di renderle più efficienti e sostenibili. In molti hanno già preso la decisione di investire sul risparmio energetico andando a sostituire le vecchie finestre di casa con i nuovi modelli a norma, perfettamente ermetici e volti a diminuire la dispersione termica. Queste nuove finestre apportano decisi miglioramenti all'efficienza dell’abitazione ma, senza dubbio, alcuni di voi si saranno trovati a fare i conti con un problema inaspettato: l’umidità in eccesso. Decidere di installare un impianto di ventilazione meccanica controllata (VMC) permetterà di risolvere le problematiche di umidità, condensa e muffa, andando a ripristinare meccanicamente il giusto ricambio d’aria quando non può essere garantito manualmente. Per garantire la salubrità dell'aria è necessario provvedere a far “respirare” l’abitazione aprendo le finestre ogni giorno, come facevano le nostre nonne, oppure affidandosi alla VMC.

Come funziona un impianto di VMC?

L’aria viene aspirata dall'interno dell’abitazione, principalmente dagli ambienti più inquinati come bagni e cucina, eliminando i cattivi odori, l’umidità in eccesso e le sostanze nocive, per essere sostituita con aria pulita proveniente dall'esterno. L’aria esterna viene purificata attraverso dei filtri, che eliminano le componenti nocive, come i gas di scarico delle automobili o i pollini e viene immessa nell'ambiente attraverso dei diffusori. Un impianto di VMC può essere detto “a recupero di calore” quando unisce, alle funzioni di ricambio d’aria e deumidificazione, anche quelle di climatizzazione, sfruttando gli scambi d’aria tra esterno ed interno per ridurre le perdite di calore durante le fasi di immissione ed estrazione dell'aria. Attraverso uno scambiatore di calore, l’aria prelevata all'interno si incrocia senza mescolarsi al flusso d'aria pulita in entrata, cedendo il proprio calore; così facendo diminuisce di molto la quantità di calore necessaria a riscaldare l'ambiente, con conseguente miglioramento dell’efficienza energetica e diminuzione dei costi legati alla climatizzazione.

VANTAGGI:

- Ricambio d’aria continuo;

- Eliminazione dei cattivi odori;

- Aria filtrata;

- Aumento di comfort termico;

- Controllo dei fenomeni di umidità in eccesso e muffa;

- Silenziosità degli impianti;

- Riduzione dei costi di riscaldamento e raffrescamento.

#progettazione #ristrutturazione #architetturadinterni #interiordesign #tecnologia #impianti